FBit ci parla di “Industria 4.0” e di come arrivarci: far crescere le persone che lavorano con te

Nei processi produttivi c’è sempre maggiore integrazione e a volte si pensa erroneamente che vengano richiesti sempre e solo nuovi sacrifici alle persone

Si parla tanto di Industria 4.0 ma nessuno sa cosa ci dobbiamo attendere da questa.
Chi lavora da anni con i mezzi che ha a disposizione non riesce ad immaginarsi uno scenario diverso.
In aggiunta a questa mancanza di visione globale, che hanno la maggior parte delle persone che vivono in azienda e che il management non coinvolge in alcuna analisi delle prospettive future di crescita, dobbiamo aggiungere una certa forma di terrorismo mediatico che fa intravedere una riduzione dei posti di lavoro legati allo sviluppo dell’Industria 4.0.
L’azienda deve coinvolgere il personale nell’analisi di scenari evolutivi ed ha l’obbligo di aiutarli a guardare lontano, a capire cosa potranno o dovranno affrontare lungo il loro percorso lavorativo.
Per puntare con successo alla Industria 4.0 occorre far crescere le persone, sviluppare la loro immaginazione creativa e la loro fame di interessi e di successi. Il successo di un’azienda passa inevitabilmente attraverso la crescita delle proprie risorse e dai traguardi che questi sono in grado di raggiungere. Non si può puntare all’ Industria 4.0 quando le risorse sono ferme a 1.0.
Il compito del management deve essere quello di far capire alle proprie persone che la qualità del lavoro deve evolvere verso livelli di competenza sempre più alti, anche con una buona dose di sacrificio personale. I processi produttivi sono sempre più frenetici ma al contempo vengono richieste specifiche di qualità sempre più elevate e stringenti.

Nei processi produttivi c’è sempre maggiore integrazione e a volte si pensa erroneamente che vengano richiesti sempre e solo nuovi sacrifici alle persone, mentre invece si sta entrando in pieno in un processo produttivo sempre più globalizzato, nel quale ogni risorsa dovrà apportare il suo contenuto di professionalità, di esperienza e di competenza.

Solo quando le risorse di un’azienda avranno capito che ciascuna, con una certa dose di buona volontà e perché no anche di sacrificio, sarà in grado di guidare il processo produttivo, nonostante le sua velocità di esecuzione, sempre più alta, avrà raggiunto una maturità tale da affrontare e vincere la sfida che l’Industria 4.0 propone.

 

Informazioni ulteriori:

FBit srl

direzione@fbit.it