ANIMA, obiettivo all’Est: “Russia, Milano 11 Maggio: Scenari e prospettive tra crescita e tensioni politiche”

Secondo i dati delle Dogane Russe nel 2017 si registra una crescita (+18,2%) dell’interscambio pari a 21,2 miliardi di Euro che vede l’Italia attestarsi in quinta posizione come paese fornitore

Un appuntamento interessantissimo il giorno 11 maggio a Milano.

Anima organizza il focus “Russia, scenari e prospettive tra crescita e tensioni politiche”.

Il volume degli scambi commerciali tra Italia e Russia continua a crescere (+ 25,5% dell’export, con un picco significativo proprio nel settore della meccanica +36,8% che rimane il settore di punta delle esportazioni italiane nel Paese) tra tensioni politiche e sanzioni.
In questo periodo, è ancora più cruciale per le aziende fare il punto della situazione attuale e delineare gli sviluppi futuri per affrontare con migliori competenze e strumenti il business nel Paese.
Alcuni elementi in evidenza che verranno affrontati nel Focus dedicato al paese l’11 maggio:
• Export italiano in forte incremento nel 2017
• Rinnovata importanza del settore meccanica che, insieme ai semilavorati, rappresenta oltre il 60% del nostro export e cresce ad un tasso del 35%
• Comparti con ottima dinamicità: macchinari, macchine per l’industria alimentare, macchine utensili, macchine per la lavorazione di plastica e gomma, tecnologie per edilizia e componenti elettrici
• Scenario favorito dalla nuova politica industriale del paese che mira a modernizzare le tecnologie esistenti in numerosi settori al fine di incrementare l’offerta di prodotti finiti locali sul mercato russo (import substitution).

Secondo i dati delle Dogane Russe nel 2017 si registra una crescita (+18,2%) dell’interscambio pari a 21,2 miliardi di Euro che vede l’Italia attestarsi in quinta posizione come paese fornitore ed in sesta posizione come paese cliente.
Ragione del notevole incremento dell’interscambio sono il ritorno della dinamica positiva del PIL russo, il rafforzamento del rublo dopo un periodo di forte volatilità e il proseguimento dell’adattamento dell’economia russa in un contesto di prezzi del petrolio relativamente bassi.
L’Italia ha ribadito nel 2017 il proprio ruolo di importante partner commerciale della Federazione Russa incrementando il proprio export del 25,5% con un picco significativo proprio nel settore della Meccanica (+36,8%) che rimane il settore di punta delle esportazioni italiane.
La Russia sta attraversando una fase di profondo cambiamento della propria struttura produttiva in praticamente tutti i settori chiave. Ciò è strettamente legato alle nuove politiche governative di sostituzione delle importazioni che puntano a stimolare una maggiore autonomia del paese. Questo clima di rinnovata collaborazione commerciale – nonostante il perdurare delle sanzioni e le tensioni a livello politico – rappresenta un’importante opportunità per le aziende italiane che intendano guardare al vasto e nuovamente ricettivo mercato russo.

I Focus Paese ANIMA sono incontri mirati e operativi, con struttura di tavola rotonda a numero chiuso, riservati a massimo
20 partecipanti.

Ulteriori info ed iscrizioni:
http://www.anima.it/news/5/focus-paese-anima-russia-milano-11-maggio