Gio | 12 | Dicembre | 2019

Personalizzato Home page
Saldature in condizioni estreme con apparecchi Kemppi per costruire la più grande raffineria del mondo in Arabia Saudita

Saldature in condizioni estreme con apparecchi Kemppi per costruire la più grande raffineria del mondo in Arabia Saudita

Durante l’estate la temperatura può superare i 50 gradi, e in ogni caso di giorni quasi mai nel corso dell’anno scende sotto i 30. Stiamo parlando dell’Arabia Saudita, che si appresta ad ospitare la raffineria di petrolio più grande del mondo nella città di Jizan, di proprietà della società SAUDI ARAMCO.

Chilometri e chilometri di tubi vengono saldati tra loro a gran ritmo dagli operai e dai tecnici impegnati in cantiere. Le condizioni, come detto, sono estreme. Di qui l’esigenza di poter contar su apparecchiature idonee e particolari per far fronte alla situazione. Le tubazioni vengono principalmente saldate con saldatura TIG e MMA. Per la precisione, i tubi a parete sottili e i giunti vengono saldati con saldatura TIG da parte di personale altamente specializzato, mentre in tutti gli altri casi si procede con la saldatura MMA. Kemppi ha fornito quasi 1.000 dispositivi MinarcTig Evo 200 per la saldatura TIG effettuata dai subappaltatori nel progetto, nonché i dispositivi MasterTig MLS 4000 per la saldatura TIG e i dispositivi Master S 400 per la saldatura MMA.

Come detto, le temperature a Jizan sono superiori a 30 ° C tutto l’anno e durante l’estate possono raggiungere i 50 ° C. la norma internazionale IEC 60974-1 come noto impone ai produttori di saldatrici di testare i cicli di lavoro delle saldatrici a 40°. Inoltre è anche richiesto che le saldatrici siano in grado di resistere a temperature di stoccaggio fino a 55°. L’esperienza in Arabia Saudita ha dunque dimostrato che i macchinari Kemppi funzionano perfettamente anche in condizioni estreme.

Related posts